Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

giovedì 10 novembre 2016

Che bello fare i compiti!

Compiti a casa sì, compiti a casa no? Mentre il web si infiamma e si divide, noi abbiamo trovato la nostra "terza via".
Anche qui i compiti a casa del fine settimana erano spesso fonte di stress: una sorellina da tenere occupata, una bimba intenta a fare i compiti che rivendicava la presenza costante della mamma e che, allo stesso tempo, voleva andare a giocare o a guardare i cartoni, concessi solo nel week-end; aggiungete una mamma insegnante che vuole abituare all'autonomia la figlia ed è già satura di scuola, di compiti da correggere e di lezioni da preparare: la miscela era spesso esplosiva. 
Oggi, invece, va così:







Cosa è cambiato? Ci siamo "capovolte"! 

Da un anno ormai sto approfondendo e mi sto sempre più appassionando alla didattica capovolta: una metodologia che prevede lo studio domestico delle nozioni teoriche, spesso attraverso video didattici, e l'applicazione delle stesse in aula, con compiti cooperativi ancorati alla realtà e alle competenze digitali. La sto introducendo progressivamente a scuola e, di fronte allo "scoglio-compiti", mi sono detta: "Perché non provare?". 
Quest'anno Letizia ha iniziato la terza elementare: ero così felice che potesse iniziare a studiare e ad appassionarsi alla storia, alla geografia, alle scienze! 
Lo studio a casa era invece sofferto, le nozioni così astratte da perdere il fascino che avevano ai miei occhi di adulta... come proteggere e coltivare la sua curiosità, farle amare imparare e conoscere? 
Sono partita da lei, dalla mia bimba dei colori e delle matite, la mia piccola artista, la mia appassionata di cartoni animati e storie: per ogni argomento di studio ho trovato un video online, lo abbiamo guardato e riguardato, tutte e tre, insieme: non era più necessario impegnare Diletta in un'attività alternativa né la piccolina, conquistata dal video, ha rappresentato più un elemento di disturbo; autonomamente Letizia ha voluto replicare i disegni del video e con l'aiuto dei disegni mi ha ripetuto tutta la lezione: "Mamma, è bellissimo studiare così! Se anche ci metto più tempo non importa perchè i cartoni li guardo per studiare, e sono anche più belli!". E adesso tocca ai compiti autentici! 

To be continued!




7 commenti:

  1. Devo dire che mio figlio - la Pulce, classe 4^- è stato fortunato con una insegnante che anche in classe non parte da nozioni astratte, ma - in tutte le materie di studio - parte da esperienze concrete dei bambini. Qualcuno la contesta, a me (e alla Pulce), invece, piace...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abbiamo maestre molto brave che lavorano sul metodo di studio; nel momento della memorizzazione, tuttavia, è inevitabile scontrarsi con l'astrazione, soprattutto se si deve apprendere un linguaggio specifico.

      Elimina
  2. Un piacere rileggerti.. E faccio tesoro di questo metodo alternativo perchè anche qui i compiti a casa sono fonte di stress e anche qui c'è la piccolina da tenere occupata.. Anch'io proverò così.. ;-) grazie

    RispondiElimina
  3. Bellissimo rileggerti! Anche io vorrei che il mio "grande" (in seconda)fosse autonomo nei compiti e invece richiede la costante presenza mia o del papà, altrimenti si perde e non va avanti... Ma secondo te è normale? Io non ricordo di avere mai avuto i miei seduti accanto a me quando facevo i compiti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, penso sia assolutamente normale, soprattutto quando il tempo - come quello dei compiti- è dedicato a loro in esclusiva; probabilmente i nostri ricordi sono modificati anche dalle esperienze successive; la sicurezza e la fiducia in se stessi sono conquiste di lungo periodo :-)

      Elimina
  4. AnnaMaria tu non hai idea quanto mi sei mancata!Il tuo blog e quello di Fosca sono stati negli ultimi anni quelli che più seguivo con passione.Leggerti ha significato tanto,soprattutto in momenti tristi come quelli di due anni fà quando avevo subito il mio terzo aborto spontaneo e dopo pochi mesi ho perso il mio papà. Ma poi ho potuto dirti della gioia l'anno scorso di esser diventata mamma. Si perchè condividere gioie e dolori con una persona fantastica come te è veramente un dono.Quindi ben tornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Isa! Mi fai commuovere <3, ben ritrovata a te e grazie ancora!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails